Reciproca operatività, i termini del Burraco

di pieroburraco Commenta

 Giocare insieme e per lo stesso obiettivo

Nel gioco del Burraco è di fondamentale importanza essere sulla stessa lunghezza d’onda con il partner, soprattutto quando ci si trova in momenti particolari della partita come è quello della chiusura. In questo momento, infatti, è necessario che entrambi i giocatori mantengano la calma e la concentrazione, per poter massimizzare il rendimento delle carte che hanno ancora da giocare.

Questo è il momento in cui si rimette in gioco tutto quello che si è fatto fino ad allora e anche il più piccolo errore potrebbe essere irrimediabile.

La reciproca operatività

In chiusura una delle strategie migliori da adottare per poter arrivare all’obiettivo è quella della reciproca operatività, ossia la tecnica per cui il giocatore che non è in chiusura deve fare tutto ciò che è possibile per fare in modo che il compagno possa raggiungere l’obiettivo.

L’applicazione di questa strategia presuppone che entrambi i giocatori abbiamo, come primo elemento, ben chiaro cosa sia la divisione dei ruoli e la sua utilità nel gioco del Burraco. La reciproca operatività, infatti, si può applicare solo se i giocatori riconoscono la particolare situazione in cui sono e chi dei due ha maggiori probabilità di arrivare a chiusura.

Come funziona la reciproca attività

La reciproca attività è una strategia di facile applicazione: il giocatore che non è in chiusura deve mettere a terra tutte la carte possibili, sia allungando giochi preesistenti che componendone di nuovi.

In questo modo si raggiungono due obiettivi: il compagno che sta andando a chiusura avrà maggiori probabilità di legare le carte che gli sono rimaste in mano e allo stesso tempo, in caso di chiusura, noi non avremo in mano troppi punti negativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>