Perché giocare ad una variante del Burraco?

di isayblog4 Commenta

Il Burraco è un gioco che ha una lunga serie di varianti. Questo accade, da un lato, perché è un gioco relativamente nuovo, il cui regolamento è stato stilato solo in tempi piuttosto recenti, dall’altro perché, pur mantenendo quasi invariate le regole di base, il gioco può essere adattato a diverse esigenze.

Questo è, per esempio, il caso delle varianti del Burraco che prevedono un numero diverso di giocatore dai canonici 4, divisi in due coppie.

È il caso del Burraco a due giocatori,  in cui le due persone giocano uno contro l’altro. Le regole sono pressoché uguali a quelle del Burraco tradizionale ma c’è un totale stravolgimento delle strategie che normalmente vengono messe in atto: nel gioco a quattro giocatori si tende a calare subito le carte, per dare la possibilità al compagno di capire in che modo organizzare i suoi giochi; nel gioco a due, invece, i giochi vengono calati il più tardi possibile, in modo da non permettere all’avversario di ostacolare le scale.

Non sempre, poi, si ha a disposizione un numero pari di giocatori, ma è comunque possibile organizzare delle interessanti partite. C’è il Burraco a tre giocatori, in cui ha una componente fondamentale il conteggio dei punti per la formazione della coppia che si trova a sfidare un solo giocatore. Si può giocare anche in cinque, ma si avrà bisogno di tre mazzi di carte.

Oltre però alla mancanza di persone per raggiungere il numero di quattro giocatori, o anche all’eccedenza degli stessi, c’è un’altra ragione importante per giocare ad una variante del Burraco. I piccoli aggiustamenti del regolamento e la necessità di pianificare strategie diverse permettono di acquisire maggiore flessibilità e di capire meccanismi che saranno molto utili nel tradizionale gioco a quattro giocatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>