Burraco semi-pulito, i termini del Burraco

di Redazione Commenta

Spread the love

Un’altra possibilità di combinare le carte

Nel gioco del Burraco le carte possono essere calate in base a combinazione e sequenze, dette anche genericamente scale, che, in base al numero di carte dalle quali sono composte possono diventare dei Burrachi.

Tendenzialmente il Burraco può essere di due tipologie: pulito o puro, ottenuto cioè senza l’aiuto di pinelle o jolly, e sporco o impuro, che si ottiene sostituendo alle carte mancanti della combinazione una matta.

Recentemente, però, la Fibur – Federazione Italiana Burraco ha introdotto anche una nuova possibilità di scala: il Burraco Semipulito. La sua definizione ci dice che è una sequenza o combinazione di 7 carte consecutive, che devono essere precedute o seguite, mai inframezzate, da una pinella.

Quindi la combinazione sarà costituita da almeno 8 carte, compreso il jolly o la pinella.

Questo tipo di scala vale 150 punti, una via di mezzo fra il Burraco pulito, che ne vale 200, e quello sporco, che ne vale, invece, 100.

Per far capire agli avversari e ai nostri compagni che abbiamo composto un Burraco semipulito la matta dovrà essere posta trasversalmente rispetto alla scala calata sul tavolo.

Come abbiamo precedentemente accennato, l’ideatrice di questa nuova combinazione è stata la Fibur e altre associazioni e federazioni presenti sul territorio italiano non riconoscono ancora questo particolare tipo di sequenza. Quindi nei tornei o nelle manifestazioni in cui non vige il regolamento della Fibur il Burraco semipulito verrà sempre considerato come un tradizionale Burraco sporco.

Sarà sempre una buona regola, soprattutto quando si intraprende una partita affrontando persone che non si conoscono, chiedere quale è il metodo di valutazione da adottare per questa particolare scala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>