Burraco: Scopo del gioco

di isayblog4 Commenta

Il gioco del Burraco ha un suo scopo preciso: la chiusura. Per chiusura si intende terminare le carte che un giocatore ha a disposizione.

Ma bisogna stare attenti: non necessariamente la coppia, o il singolo giocatore, che arriva alla chiusura sarà anche il vincitore della partita.

Infatti per riuscire a conquistare entrambi gli obiettivi, chiudere prima degli altri e aggiudicarsi la vittoria, bisognerà prima affrontare degli altri passaggi che dovranno essere studiati lungo tutto il corso della partita.

È importante giocare in modo che si riescano a calare il maggior numero di composizioni possibili, che, oltre ad essere un modo per terminare le carte del nostro ventaglio, saranno anche portatrici di un notevole numero di punti.

Nella composizione dei giochi va prestata attenzione anche a cosa sta facendo il nostro compagno, infatti, è sempre una buona strategia cercare di agevolare i giochi del nostro socio, anche se questo vuol dire cambiare la tattica che si era pensata all’inizio.

Per poter chiudere inoltre è necessario prelevare il pozzetto, un insieme di 11 carte che è stato composto durante la preparazione del tavolo. Ovviamente in questa situazione un po’ di fortuna non guasta. Potrebbe succedere, infatti, che le carte che lo compongono siano difficili da giocare o da attaccare ai giochi già iniziati. Ma, anche in questo caso, l’allenamento e la pratica ci saranno di grande aiuto.

È interessante anche notare che non sempre la chiusura è una mossa che deve essere compiuta nel minor tempo possibile. Nel Burraco i punteggi si accumulano sia in positivo che in negativo, quindi sarà meglio aspettare che anche il nostro compagno abbia poche carte in mano per chiudere, altrimenti tutti i nostri sforzi potrebbero essere vanificati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>