Il Burraco on line come allenamento

di isayblog4 Commenta

È Burraco mania: tantissimi italiani giocano a Burraco e lo fanno ovunque.

Lo dimostrano i tanti tornei che si svolgono quotidianamente in ogni parte d’Italia, le persone che tutti i giorni si riuniscono in circoli e sale da gioco e, soprattutto, i tanti siti del gioco del Burraco che popolano il mondo del web.

Da pochi giorni è on line anche il sito Burracoparty.it che la community di Biska.com ha dedicato al Burraco, uno dei primi in assoluto che permette di giocare sia da computer normali che da computer Mac.

Ma di siti per giocare a Burraco ce ne sono di tutti i tipi, ognuno dei quali ha delle particolari caratteristiche e peculiarità che rispondono alle esigenze dei diversi giocatori. La maggior parte di loro ha anche centinaia, se non migliaia, di persone iscritte che ogni giorno disputano partite contro altri utenti connessi o contro i computer.

Questo dimostra quanto il Burraco, seppur con una storia ancora giovane alle spalle, sia un gioco molto famoso e popolare che ha saputo adattarsi alle nuove tecnologie, e quante sono le persone che si sono appassionate.

Però, se si intende giocare a Burraco a livelli agonistici o partecipare a qualche torneo, sarebbe meglio non esagerare con il gioco on line. Infatti, giocare a Burraco attraverso uno schermo senza un confronto visivo può portare a perdere alcune caratteristiche che un giocatore vincente di Burraco deve necessariamente avere. Si tratta infatti della capacità di comunicare con il proprio compagno e di affrontare il confronto faccia a faccia con gli avversari, capacità che rendono una coppia di giocatori davvero vincente e superiore alle altre.

Quindi, giocare on line va bene, ma va preso più come un allenamento o un passatempo piuttosto che come una sfida vera e propria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>