Internet e il Burraco

di pieroburraco Commenta

Da quando il World Wide Web è diventato un elemento imprescindibile della nostra vita, quasi tutte le azioni che facciamo quotidianamente hanno un loro corrispettivo nel mondo dell’etere.

Se prima scrivevamo delle lettere adesso saremmo certamente abituati a mandare delle mail. Così come prima i nostri amici li incontravamo al bar, adesso scriviamo un commento sulla loro bacheca Facebook. E la stessa sorte è toccata anche ai giochi di carte, senza eccezione neanche per il Burraco.

Anzi, il Burraco è uno dei giochi che riscuote maggior successo on line, sia per la grande quantità di offerte diversificate che si possono trovare, sia per il fatto di essere un gioco che ha delle caratteristiche spiccatamente social. Infatti, il Burraco si gioca prevalentemente in quattro e la sua massima espressione sono i tornei. Forse, anche per questo motivo nel web ha trovato un suo spazio naturale di diffusione.

Ma questa sua espansione in Internet ha creato anche alcune controversie, soprattutto si è generata una divisione fra i puristi del gioco e coloro che invece sono più avvezzi alla sperimentazione.

I puristi sostengono che il gioco debba necessariamente essere giocato dal vivo, con i quattro giocatori (ed esclusivamente quattro, i puristi non vedono di buon occhio neanche le varianti del Burraco) che si scontrano seduti ad un tavolo con le carte in mano.

Chi invece gioca anche sul web apprezza molto sia la possibilità di confrontarsi con diverse persone sparse per tutta Italia, e anche oltre, sia la possibilità di giocare anche quando non si hanno disponibili al momento altri giocatori per iniziare una partita.

Probabilmente la giusta via è nel mezzo… l’importante è divertirsi e imparare ogni giorno qualcosa di nuovo su questo bellissimo gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>