Varianti burraco, scopriamo qual è quella più giocata

di PlayerBet Commenta

Spread the love

Prima che esplodesse la pandemia, per cui si sta approntando anche un database mondiale per tracciare i contagi, in tutto il mondo, erano ben poche le persone che erano abituate a giocare a burraco con una certa frequenza. La necessità di reinventare il proprio tempo libero e di riscoprire anche dei passatempi che erano stati completamente dimenticati, ha fatto in modo proprio di riportare in auge il burraco, come in realtà tanti altri giochi, sia di carte che da tavolo.

varianti burraco

Ebbene, ora non ci si può nascondere dietro un dito, dal momento che il burraco rappresenta uno dei giochi del momento. Merito, senza ombra di dubbio, anche del fatto che online ci sono sempre più opportunità, con portali che sono in grado di garantire un’esperienza di gioco sempre più di qualità e completa, anche se il consiglio migliore da seguire è quello di andare alla ricerca solo di piattaforme di gioco d’azzardo legale.

Il gioco del momento

Uno dei vantaggi del burraco è che sicuramente si può considerare un gioco rilassante che, però, se affrontato in maniera diversa e un po’ più competitiva permette di saziare il proprio animo da competitor, migliorarsi e, soprattutto, divertirsi tantissimo.

Spesso e volentieri, infatti, sono tante le persone che decidono di disputare una partita a burraco dopo una lunga giornata di lavoro, oppure insieme a un gruppo di amici, riunirsi per organizzare un bel torneo. Non solo, dal momento che esistono anche diverse associazioni che prevedono la creazione di tornei a chiaro scopo benefico, in cui il gioco del burraco è preponderante.

Ci sono svariati tornei che vengono organizzati pure da enti e dalle scuole. Un gioco che riesce a garantire un coinvolgimento di alto livello, anche per via del fatto che, come abbiamo detto in precedenza, chi vuole vincere in qualsiasi gioco si cimenta, ha la possibilità sia di divertirsi che di confrontarsi con un gioco in cui la competitività non manca di sicuro.

Le versioni più diffuse e apprezzate del burraco online

Come abbiamo detto, questo vero e proprio boom del burraco online, ha portato senza ombra di dubbio un gran numero di innovazioni. Una di queste riguarda il numero di versioni del burraco che si sono diffuse, visto che si sono letteralmente moltiplicate nel corso degli ultimi anni.

La scelta di varianti, anche per tutti coloro che sono alle prime armi con il gioco del burraco, è sempre molto ampia. Giusto per individuare quelle più interessanti, le varianti a tre e a sei giocatori sono sempre particolarmente apprezzate, anche se è bene mettere in evidenza come quelle maggiormente diffuse e con cui si gioca di più sono indubbiamente quella Andromeda e quella Cassiopea. Si tratta di due versioni che, nel gioco, risultano piuttosto simili, mentre le principali differenze emergono a livello della chiusura.

Ad esempio, nella versione Andromeda, il gioco prevede un numero di utenti pari e, di conseguenza, si può essere in due piuttosto che in quattro. Il match va a terminare nel momento in cui uno dei vari giocatori resta con una sola carta in mano. È fondamentale mettere in evidenza, però, come tale carta non debba mai essere una pinella piuttosto che un jolly.

Discorso diverso con la versione denominata Cassiopea, in cui la chiusura può giungere a compimento nel momento in cui il giocatore, dopo aver posizionato tutte le carte a terra, affronta una delle seguenti situazioni. Può rimanere senza carte oppure può rimanere con una coppia di carte, a patto che si caratterizzino per essere in una successione scalare. Altrimenti può anche restare con una carta qualsiasi. Quest’ultima variante si fa preferire soprattutto per tutti coloro che arrivano alla chiusura in svantaggio, dato che si può anche scegliere di tentare di chiudere la partita in modo anticipato, sorprendendo e battendo di fatto l’avversario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>