La costruzione del Burraco nel gioco a sei

di isayblog4 Commenta

Il Burraco a sei giocatori è una variante del Burraco tradizionale che, pur seguendo la logica del gioco tradizionale, necessita di tre mazzi di carte francesi e una differenza sostanziale: la realizzazione di un burraco prima di poter prendere il pozzetto.

La quantità delle carte a disposizione facilita sicuramente la realizzazione di un burraco, anche perché questo può essere sia pulito, sporco o semipulito, ma è anche importante capire come utilizzare le carte nel migliore dei modi per arrivare il prima possibile all’obiettivo.

Infatti, se la grande quantità di carte in gioco potrebbe facilitare il raggiungimento dell’obiettivo, c’è da considerare che in una partita del genere non bisogna solo scegliere le carte in base alla nostra strategia, ma anche tutte le carte che sono sul tavolo e che appartengono ai nostri avversari, che non sono solo una coppia, ma due.

Per questo è fondamentale il momento dell’apertura. Sicuramente il nostro gioco sarà determinato dalle carte che ci vengono assegnate in fase di distribuzione ma a questo punto deve entrare in gioco anche la strategia.

Partendo dal presupposto che abbiamo tre mazzi in gioco, avremo in totale 12 carte per una combinazione (serie di carte uguali) e 39 per la composizione delle sequenze (serie di carte dello stesso seme in ordine crescente).  In base a questo calcolo e alle carte che abbiamo in mano dobbiamo decidere che tipo di gioco iniziare a calare.

Per questo è meglio aspettare prima di iniziare a mettere le carte sul tavolo, per capire dalle mosse dei nostri quattro avversari verso quale tipo di gioco si stanno orientando.

Una volta che si è compreso questo, sarebbe meglio evitare di aprire tanti giochi. È meglio concentrarsi su una o due possibilità e calare al momento opportuno per fare direttamente noi un burraco o farlo fare al nostro compagno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>