Burraco, variante della canasta proveniente dall’Uruguay

di Valentina Cervelli Commenta

Spread the love

Il burraco è un gioco ormai diventato mainstream, sia tra i più maturi che i meno giovani: una tradizione che si porta avanti a livello famigliare da decenni in alcuni casi. In molti però non conoscono le sue origini: ricordiamole, rendendole palesi anche a coloro che non sanno da dove effettivamente questo gioco provenga.

Burraco anche online e per soldi

E’ importante sottolineare come il burraco sia riuscito ad attirare tanto l’attenzione grazie anche al suo sbarco online: la possibilità di giocare partite sul pc e sullo smartphone ha aiutato tantissimo la sua diffusione soprattutto tra le generazioni più giovani, trasformandolo in alcuni casi anche in un gioco d’azzardo rendendo possibile puntate guadagnabili dal vincitore delle partite.

Quando si pensa al burraco e alla sua nascita si prende per buona l’ipotesi che sia stato ufficialmente presentato in Uruguay negli anni ’40: come ogni gioco di carte che si rispetti, anche il burraco vede la sua reale origine avvolta dal mistero. Si può dire però, senza paura di sbagliare, che questa sia quella considerata più valida da tutti.

Come è possibile comprendere per chi conosce entrambi i giochi, il burraco non è altro che una variante della canasta: la cosa curiosa è che questo derivato, a livello sociale, è diventato in breve tempo ancora più famoso, uscendo dall’America Latina e sbarcando in Europa.

Origine del nome e diffusione

Va detto che per ciò che concerne il nome si pensa che lo stesso derivi dal portoghese “buraco” che significa setaccio. E se ci si pensa bene il collegamento è appropriato dato che una delle regole del burraco prevede che ogni giocatore possa raccogliere tutti gli scarti degli altri, proprio come farebbe un setaccio con del materiale polveroso.

Inizialmente il burraco era un gioco molto diffuso tra donne: con il suo sbarcare nei bar e nei circoli è divenuto pian piano grazie anche ai tornei, un’attività di tutti.

La diffusione sul territorio italiano risale agli anni ’80: avvenne molto rapidamente partendo dal sud della Penisola: Curiosità: per dare vita a tornei nel nostro paese vi fu bisogno di creare delle regole specifiche valide per tutti: fu per tale motivo che nacque la Fibur, Federazione Italiana Burraco.

Come già anticipato, la sua diffusione nel web ha fatto in modo tale che potesse raggiungere molte più persone. Nei tornei di burraco online si può giocare in due o quattro persone, scontrarsi con persone provenienti da qualsiasi luogo. Giocare online consente di affinare la propria tecnica e consolidare le strategie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>