Il Burraco e Facebook

di isayblog4 Commenta

Sappiamo quanto successo ha riscosso il gioco del Burraco sul web, un fatto dimostrato anche dalla massiccia presenza di pagine e profili dedicati a questo gioco su Facebook.

Se si ha un profilo Facebook e si digita nel motore di ricerca la parola Burraco si trovano centinaia di pagine con questo nome, che sono sia i profili delle diverse associazioni o federazioni, oppure pagine di discussione sul tema (nelle quali si possono leggere i post pubblicati) o anche delle vere e proprie applicazioni che permettono di giocare subito.

Una di queste è raggiungibile al link http://apps.facebook.com/myburraco/. Attraverso questa pagina, dopo aver dato l’autorizzazione all’applicazione per accedere al vostro profilo personale, potrete immediatamente entrare in una partita.Il sistema è molto semplice e dà due diverse opzioni di gioco. C’è la possibilità di entrare in una partita già aperta: cliccando sulla linguetta “partite” si apre la schermata con l’elenco delle partite in corso. Gli spazi contraddistinti dal colore azzurro indicano dove ci sono ancora posti liberi, quelli in rosa sono occupati invece dai giocatori già impegnati.

Per ogni partita è possibile conoscere sia il livello dei giocatori, la modalità del match (2 o 4 giocatori) e i punti in classifica di ogni partecipante.

Se nessuna delle partite già in corso vi soddisfa si può decidere di aprire un nuovo tavolo, cliccando su “crea partita”. Anche in questo caso si possono scegliere tutte le opzioni già elencate, compresa quella per la durata del match stesso: si può scegliere tra partite veloci o tra quelle che si concludono al raggiungimento di un determinato punteggio (505, 1005, 1505, 2005 punti).

A questo punto non resta che aspettare che il tavolo sia completo e… buon divertimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>