Conviene andare a pozzetto?

di pieroburraco Commenta

Chi gioca a burraco online e quindi ha meno possibilità di confrontarsi live con i compagni di squadra, si chiede quale sia la strategia migliore per vincere una partita di burraco. La consueta domanda che anche i principianti si pongono è la seguente: conviene andare a pozzetto? Proviamo ad esplicitare un po’ meglio il quesito. 

Quale sia la strategia migliore per avere più probabilità di vincere nel burraco? I dubbi rispetto a questa domanda sono tanti: è il caso di compromettere tutta la partita per andare a pozzetto? E poi: visto che si conosce la tecnica del compagno che prende tutte le carte dell’area di scarto calando le combinazioni appena possibile, come ci si relaziona rispetto all’altro che punta al pozzetto e alla chiusura. Ancora un altro dubbio assale chi gioca a burraco e vuole vincere: è meglio calare più scale dello stesso seme o aspettare fino a comporne una unica?

Pozzetto

Non si può dare una risposta univoca al quesito perché tutto dipende dalla situazione in corso e dalle carte di partenza. Per cui, come fa Biska.com, è importante prendere per buoni i consigli generali:

Il gioco del burraco ha una componente intrinseca che è la gestione temporale degli eventi. La conduzione della partita deve seguire la logica di anticipare le mosse dell’avversario, ed evitare di scartare preziose carte che potrebbero essergli utili. Anche qui, la conta delle carte, e la comprensione della strategia che l’avversario sta impiegando è necessaria a raggiungere la vittoria. Parlando quindi di tempistiche, l’ordine dell’evoluzione di una smazzata deve seguire necessariamente il seguente ordine:

  • Chiusura per poter prendere il pozzetto.
  • Costruzione di almeno un burraco.
  • Chiudere la smazzata terminando le carte in proprio possesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>