Le priorità del Burraco Internazionale – Il burraco pulito

di pieroburraco Commenta

Da qualche tempo molti burrachisti tradizionali hanno iniziato ad appassionarsi ad un particolare tipo di Burraco, il Burraco Internazionale. Si tratta del regolamento che si usa nelle competizioni internazionali e che differisce in alcuni punti essenziali dal Burraco tradizionale.

Le differenze tra queste due tipologie di gioco (in questo caso il termine variante non sembra essere quello più appropriato) fanno sì che richiedano al giocatore ce si cimenta nel gioco internazionale uno sforzo di concentrazione maggiore e anche una diversa impostazione della partita.I punti fondamentali su cui troviamo delle differenze tra il Burraco standard e quello internazionale, sono tre e riguardano l’obbligo di burraco pulito, l’impossibilità di creare combinazioni, se non di Assi e tre, e la raccolta dal monte degli scarti (per maggiori dettagli si rimanda all’articolo Conosciamo il Regolamento Internazionale del Burraco).

Partiamo dall’inizio e vediamo come influisce sullo svolgimento della partita il fatto che per chiudere è necessario aver fatto almeno un burraco pulito. In primo luogo questa necessità implica un cambiamento delle priorità rispetto al Burraco tradizionale (in questo caso, infatti, il gioco procede secondo quest’ordine: prendere il pozzetto, fare burraco, chiudere).

Nel regolamento internazionale del Burraco le priorità, per una questione anche strategica, si invertono: prima di prendere il pozzetto sarà necessario aver composto – o almeno avere un gioco che possa diventarlo – un burraco pulito.

Infatti le carte del pozzetto potrebbero essere non sufficienti a creare un burraco pulito se siamo arrivati a questo punto con tutti giochi in cui è presente una pinella, anche perché gli avversari ci potrebbero costringere a pescare sempre dal tallone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>