Pozzetti della smazzata precedente nel Burraco Italiano – II

di pieroburraco Commenta

Regole e strategieIn questo post ci dedicheremo ancora alle regole del Burraco, continuando la nostra lettura del Codice di Gara del Burraco Italiano, il codice normativo redatto dalla Fibur, la Federazione Italiana Burraco, che contiene tutte le norme che devono essere applicate dai giocatori nel corso delle competizioni che si svolgono secondo le regole italiane. 

> Pozzetti irregolari con più di 11 carte nel Burraco Italiano – II

In un post pubblicato in precedenza avevamo infatti cominciato a parlare delle regole che sono contenute all’interno dell’articolo 21 del Codice di Gara del Burraco Italiano, che riporta le norme relative alle irregolarità che possono verificarsi nel Burraco Italiano in merito ai pozzetti.

Pozzetti irregolari con più di 11 carte nel Burraco Italiano

Nel caso specifico vogliamo continuare a trattare delle irregolarità che si possono presentare quando i pozzetti sono formati con le carte della smazzata precedente. Vediamo quindi quali sono le regole che si dovrebbero conoscere e applicare in merito.

Pozzetti della smazzata precedente nel Burraco Italiano

Pozzetti della smazzata precedente nel Burraco Italiano – II

Il punto 3 dell’articolo 21 del Codice di Gara del Burraco Italiano dice che se per distrazione sul tavolo resta un pozzetto della smazzata precedente, una volta che la distribuzione delle nuove carte sia già stata effettuata,

  • non è possibile nessuna sanatoria se il gioco è già iniziato.
  • Il pozzetto eccedente, cioè, rimarrà sul tavolo inutilizzato, la mano di gioco verrà comunque completata e il risultato ottenuto resterà comunque valido ad ogni effetto.
  • Anche se per il gioco si utilizza il pozzetto della smazzata precedente, il gioco resta valido e la seconda linea dovrà utilizzare il secondo pozzetto mentre il primo resterà inutilizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>