Il Burraco e i segreti del pozzetto

di pieroburraco Commenta

Non è ormai difficile trovare qualche compagno per fare una partita a Burraco, il gioco ha ormai preso piede in Italia e annovera milioni di giocatori.

Le regole del gioco del Burraco sono chiare e ben definite, questo permette a chiunque di approcciare al gioco con estrema facilità e di imparare i suoi meccanismi in breve tempo.

Ovviamente, però, il Burraco, come tutti i giochi di carte, ha delle strategie e dei segreti che solo i giocatori più esperti riescono a maneggiare con destrezza. È quindi fondamentale giocare il più possibile, anche rischiando di perdere, sfruttando sempre l’opportunità di confrontarsi con giocatori più esperti, per acquisire quella dimestichezza di gioco che ci permetterà di arrivare con disinvoltura alla vittoria.

Ogni componente del gioco del Burraco ha le sue strategie che permettono al giocatore di sfruttarla al meglio. Vediamo, ad esempio, cosa c’è da sapere sul pozzetto.

Sappiamo cos’è il pozzetto, ma quello che a volte sfugge ai neofiti del gioco, è la sua importanza ai fini della vittoria.

Nonostante lo scopo del gioco sia di rimanere senza carte prima di tutti gli altri giocatori, è importante adottare uno schema di gioco che ci permetta di prenderlo il prima possibile.

Il pozzetto ci dà la possibilità di avere più carte da giocare, quindi più carte per formare dei burrachi o altri tipi di combinazioni, che danno l’opportunità di accumulare più punti per la vittoria.

Bisogna sempre tenere presente, inoltre, che nel gioco del Burraco, oltre alla conoscenza delle strategie e delle tattiche di gioco, sono fondamentali anche la fortuna e, forse ancor di più, un buon feeling con il proprio compagno.

Può accadere, infatti, che le carte del pozzetto che siamo riusciti a prendere non siano proprio quelle che ci aspettavamo. Ed è in questo momento che entra nella partita l’intesa con il nostro compagno: se noi non riusciremo ad aprire alcuna combinazione, dovrà essere lui, al suo turno, cominciare a calare per darci l’opportunità di attaccare le nostre carte ai giochi da lui aperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>